Informazioni su livextention

LiveXtention è l'agenzia di marketing e di comunicazione del gruppo Digital Magics

Crescita ed evoluzione del mobile web

Quanta parte del traffico internet da dispositivi mobili passa dalle app? Una porzione sempre crescente del totale. Lo evidenziano i dati diffusi qualche mese fa da Flurry: l’86% del tempo speso online dai navigatori mobili statunitensi passa dalle applicazioni, dato in netta crescita rispetto all’80% del 2013.
Apps continue to dominate the mobile webE in Italia? Il dato è praticamente identico: Audiweb View, nei dati sulla total audience di giugno 2014, ci dice che il totale di minuti spesi sul mobile web dal pubblico italiano è pari a 42.488.653.000; le mobile apps prendono una fetta pari a 35.757.062.000. Esattamente l’84%.
mobile internet audience Italy

Cosa vuol dire questo boom? Innanzitutto che le app sono diventate parte della nostra vita di tutti i giorni: le usiamo per comunicare, per cercare soluzioni (ad esempio di mobilità), per leggere recensioni sui luoghi, per acquistare. Una chiave di lettura della tendenza a integrare le app in tutti i nostri processi di fruizione dei media digitali viene offerta da un articolo di recente pubblicato su Digital Examples: alcune applicazioni sono diventate così popolari e così un punto di riferimento che vengono integrate in altre app o all’interno dei siti. È esattamente lo stesso processo che ha portato le mappe di Google ad essere presenti ormai su tutte le property web che fanno riferimento a luoghi fisici. Le app per la mobilità sono leader in questa tendenza, a cominciare da Uber, le cui API hanno già prodotto un numero significativo di integrazioni. Devi andare fuori a cena? Clicca qui e chiedi a Uber un autista per venire a prenderti e portarti a destinazione. Cerchi una camera d’albergo? Usa l’app di Hyatt, prenota e chiedi con un tap che un autista Uber ti porti all’hotel. Hai voglia di un caffè? Doppia opzione: c’è l’autista che ti porta da Starbucks; oppure quello che ti porta direttamente il caffè.

Total US Media Ad Spending Share, by media, 2012-2018Altra chiave di lettura per il boom del mobile web è il modo in cui la pubblicità sta reagendo. Se il tempo speso sulle app e sull’internet in mobilità è in continua ascesa, ci aspetteremmo che i budget pubblicitari stiano adattandosi in modo naturale: in effetti, il tempo speso su ciascun media dovrebbe essere la principale “moneta” per valorizzare uno spazio appetibile per i pubblicitari. E il tempo speso sul mobile web ha ormai superato il tempo speso sul “desktop web”, sia negli Stati Uniti sia in Italia. Invece, la pubblicità sta tardando molto ad adattarsi, per una serie di ragioni. La prima è che i tassi di crescita sono tali che i formati pubblicitari non fanno in tempo ad adattarsi: negli Stati Uniti, che guidano solitamente il mercato mondiale, per il 2014 si stima che il 28% dei budget vengano dedicati al digitale; ma di questo 28% meno del 10% sarà dedicato al mobile; tutto questo nonostante una crescita dell’83% rispetto al 2013. L’altra ragione è che i player sono tanti e in continua evoluzione. Anche gli ultimi processi di consolidamento hanno semplificato solo in parte il quadro: Google ha acquisito Waze, che va a sommare ad altre app di sua proprietà e grande successo, come YouTube e Maps; Facebook ha acquisito Instagram e Whatsapp. Ad Spend Versus Time Spent On MobileNel frattempo però, sono nate altre app di messaging, si è rafforzato Twitter, sono cresciute Spotify e altre app di streaming musicale. Il risultato è un mercato con molte asimmetrie, come dimostra perfettamente l’elaborazione di Flurry ed eMarketer qui di fianco. Attenti a Google. È stata brava a portare su mobile tutto il suo Adwords senza preoccuparsi più di tanto di adattarlo al nuovo mezzo, salvo aggiustamenti successivi: e oggi guadagna molto più di quanto sarebbe lecito attendersi!

LiveXtension incrementa il fatturato e acquisisce nuovi clienti

Fra le nuove acquisizioni, Fastweb, Gruppo Uvet, Smemoranda, Despar e Applix. Fanno inoltre capo alla società le attività di marketing e comunicazione digitale delle startup incubate da Digital Magics.

Milano, Luglio 2014. LiveXtension (LX), agenzia di marketing e comunicazione digitale che fa parte dell’incubatore Digital Magics, si conferma come realtà in forte crescita: a fine giugno, il fatturato della società ha registrato un valore più che raddoppiato rispetto al primo semestre del 2013.

Fastweb Soluzione ImpresaFra i nuovi clienti acquisiti dalla società nei primi sei mesi del 2014: Fastweb, che ha affidato a LiveXtension la riprogettazione grafica e contenutistica dei propri siti business; Despar Nordest (gestione delle property social e social media advertising), Gruppo Uvet (progettazione web, social media marketing, web design) e Residenze Anni Azzurri, società del Gruppo Kos attiva nella gestione di RSA, per la quale LX sta gestendo le attività di social media management e advertising.

Twitter SmemorandaPer il secondo semestre del 2014 - afferma Gianni Fiammengo, CEO di LiveXtension – prevediamo, grazie alla continua  attività di new business che stiamo implementando, l’acquisizione di altri importanti clienti e un ulteriore incremento di fatturato. Inoltre - Top Italian Wineconclude Fiammengo  - svilupperemo le attività di marketing e comunicazione digitale per le startup incubate  da Digital Magics che, a loro volta, cominciano a diventare protagoniste  nei loro mercati di riferimento.”

Altro cliente acquisito da LiveXtension nei primi 6 mesi del 2014 è Top Italian Wine, e-commerce del vino di qualità, organizzato in negozi monotematici per Passito e Franciacorta e arricchito da contenuti realizzati da giornalisti ed esperti del settore. Per questa azienda è stata implementata una strategia integrata che prevede la gestione editoriale dei social media e la pianificazione di pubblicità su Facebook.

“La gestione integrata delle pagine social aziendali e dell’advertising social è una offerta consulenziale molto apprezzata - sostiene Pietro Sansone, presidente di LiveXtension - le aziende preferiscono delegare ad un unico consulente un’attività che, per sua natura, deve essere svolta in sinergia. La parte editoriale e di contenuto dei social - conclude Sansone - viene realizzata e integrata con le campagne di advertising per raggiungere precisi obiettivi numerici di visibilità, engagement o vendite definiti a priori con i clienti.”

Fra gli altri clienti acquisiti da LiveXtension vi sono: Gut Edizioni SpA, per la campagna di lancio sui social media del diario Smemoranda 2015, e Applix, fra le prime cinque startup italiane per fatturato, che studia, sviluppa e realizza prodotti editoriali e applicazioni per tutti i device mobili (ufficio stampa, digital PR e consulenza social).

Tra le startup di Digital Magics, fanno già capo a LX le attività di advertising di Plannify, Edicola Italiana e Growish.

Piccola guida all’opportunità e-commerce per le imprese artigiane italiane

Workshop formativo e-commerce per la ceramica. Confartigianato PerugiaConfartigianato e Ulaola, startup dell’incubatore Digital Magics, hanno di recente annunciato un importante accordo per promuovere insieme la digitalizzazione e l’internazionalizzazione del made in Italy. Il progetto di Ulaola prevede di offrire alle imprese italiane un ambiente sviluppato appositamente per raccontare il bello e ben fatto artigianale italiano.
Il marketplace dell’artigianato raccoglierà le eccellenze italiane nel settore del design, del fashion, del vintage, del cooking design e del food in una piattaforma tecnologica speciale, dotata di tutti gli strumenti per internazionalizzare le vendite del nostro paese.

Prime imprese interessate, dunque: le aziende artigiane italiane, quelle riunite in Confartigianato.
Così, il 28 maggio, pochi giorni dopo l’annuncio del grande progetto Ulaola, LiveXtension ha avuto l’onore di partecipare al primo incontro di presentazione delle opportunità dell’e-commerce alle imprese artigiane, organizzato presso la sede Confartigianato di Perugia.
La presentazione di LiveXtension, qui riportata integralmente, offre una rassegna di dati, informazioni e analisi sullo scenario e-commerce mondiale. Il commercio elettronico, con i suoi tassi di crescita e con la rapida digitalizzazione di nuovi mercati, rappresenta una indubbia opportunità per l’impresa artigiana. L’e-commerce, però, con la crescita degli attori e la maturazione del mercato, ha anche fatto emergere nuove difficoltà, in primis quella di farsi vedere e farsi trovare, dopo avere lanciato lo store online. Tutti i diversi fattori di complessità che gli imprenditori devono conoscere e capire, per fare con coscienza le scelte giuste, sono descritti e analizzati nelle slide. Per cogliere appieno l’opportunità, in definitiva, basta qualche accorgimento.

Fibra ottica ultra-veloce? Ecco un modo creativo per comunicarla

L’antifrasi è una figura retorica cara alla letteratura di tutti i tempi e molto usata nel linguaggio comune. Per comunicare, con forza e ironia, un concetto, si afferma il suo opposto.

Naturalmente, l’antifrasi funziona molto bene anche per la comunicazione pubblicitaria. È il caso di questo video promosso da Umeå Energi, società svedese che offre servizi di energia e telecomunicazioni.

Un gruppo di persone viene sottoposto a un esperimento: svolgere compiti quali giocare a ping pong o fare un ballo di gruppo, ma indossando un’apparecchiatura che “ritarda” di alcuni secondi, rispetto alla realtà, la percezione di tutto ciò che compare nel proprio cono visivo. 

L’apparecchiatura in questione è l’Oculus Rift, un congegno pensato per la realtà virtuale, per il cosiddetto immersive gaming e per molteplici altre applicazioni, visto che si è guadagnato l’interesse (e l’acquisizione) da parte di Facebook.

Il divertimento nel guardare il video è garantito: tutte le persone che indossano l’Oculus Rift si esibiscono in azioni goffe e maldestre, a causa della loro “vista” ritardata. Il messaggio finale: “Perché accettare un “lag”, che non accetti nella vita reale, quando sei su internet? Chiedi oggi la fibra da 1000 Mbit al secondo“.

Arriva Growish: raccogliere denaro per regali di gruppo non è mai stato così facile

Growish Collect&Pay logoUno dei fattori chiave di successo delle startup digitali è quello di semplificare la vita: rendere facili le cose complicate, grazie alla tecnologia.
La semplificazione di un processo complesso è ben evidente in Growish, rilanciato oggi con una nuova piattaforma tecnologica e un nuovo modello di business, grazie al supporto dell’incubatore Digital Magics. Con Growish, la raccolta di denaro tra amici per acquistare un regalo, tramite il metodo della “colletta”, è semplice, controllata, garantita, gratuita e soprattutto online.

Le startup dedicate alla raccolta di denaro online

Growish sbarca in un territorio già esplorato dalle startup di vari paesi: l’americana PayByGroup invita i propri utenti a dividere il costo di qualunque cosa grazie alla sua piattaforma di raccolta denaro; la francese Leetchi invita ad acquistare regali di gruppo o biglietti per eventi da godersi insieme agli amici. Non mancano i colossi del web: eBay ha un suo servizio, in Beta da qualche anno (!!) per la verità, dedicato ai regali di gruppo: eBay Group Gifts. Il panorama è ancora più ricco se lo si allarga alle società che offrono servizi di crowdfunding (sempre in ambito Digital Magics, c’è DeRev) oppure al social lending (i prestiti di denaro da privati per i privati: Prestiamoci).

La forza di Growish

La forza di Growish è il suo legame, già in fase di lancio, con decine di operatori dell’e-commerce in diverse aree. Una volta che un utente ha aperto una “colletta” sul sito, può invitare altri a partecipare via e-mail o tramite Facebook. Il denaro raccolto viene conservato sotto forma di moneta elettronica. Poi può essere utilizzato in modi diversi: essere affidato all’organizzatore della “colletta”; essere trasferito direttamente a un altro utente beneficiario; oppure – in questo caso a costo 0 – essere speso con le aziende partner per l’acquisto del regalo. Con Growish è oggi possibile regalare una delle oltre 100 giftcard di aziende come Alitalia, Amazon, Cisalfa, Chicco, Coin, Eataly, iTunes, Mondadori, Trony, UPIM, Zalando.

Così, su growish.com, amici, parenti e colleghi, anche distanti fra loro, possono condividere la spesa e acquistare “in quote” un regalo per qualsiasi occasione – Natale, compleanni, matrimoni, lauree, nascite, anniversari, viaggi, ecc… – in modo automatico, semplice e sicuro. La nuovissima piattaforma tecnologica di Growish fa utilizzare agli utenti un istituto europeo autorizzato all’emissione di moneta elettronica. Nessun utente deve essere iscritto a Paypal o ad altri sistemi di pagamento per utilizzare il servizio. I versamenti delle quote di ciascun utente partecipante possono avvenire tramite carte di credito, carte ricaricabili e bonifici bancari.
Growish occasioni d'uso
LiveXtension per Growish: la campagna di lancio

Growish Page Like Ad
Growish Birthday Page Post Ad
LiveXtension è al fianco di Growish in questo importante rilancio. Tra le varie attività, LX sta curando già da qualche settimana diverse campagne di Facebook Advertising.

La pubblicità di Growish su Facebook ha l’obiettivo di ​generare awareness per il nuovo servizio online presso un’audience di potenziali utenti e opinion leader, individuati con una profilazione accurata del target, effettuata in base a interessi e stili di consumo espressi all’interno della piattaforma social.

In secondo luogo, la campagna ha come obiettivo quello di stimolare la creazione di nuove collette su growish.com, azioni che vengono tracciate e misurate in tempo reale a partire dalle campagne, per ottimizzare i costi di acquisizione.

​In poco più di 10 giorni online, sono state create oltre 100 campagne differenti, con variazioni di testi, immagini e target. Sono stati utilizzati principalmente i formati Video Ad, Post Link Ad con call to action e Page Like Ad, preferendo il posizionamento newsfeed (mobile & desktop) per una maggiore efficacia.

Sono già stati raggiunti notevoli risultati sia in termini di fan e pubblico della pagina, sia in termine di collette create sul sito.


I creatori di Growish dicono…

“Growish è lo strumento più semplice e sicuro per raccogliere le quote di un regalo da parte di più persone che vivono in città, regioni e nazioni diverse”, ha dichiarato Claudio Cubito Co-Founder e CEO di Growish, “Nei prossimi mesi sarà possibile anche acquistare una carta di credito MasterCard virtuale ricaricata con l’importo delle quote raccolte, e i cofanetti regalo di Emozione3. Con il supporto del Digital Magics LAB abbiamo fondato questa startup innovativa, e continuiamo a sviluppare tecnologia e prodotto per offrire agli utenti e ai nostri merchant partner un servizio di qualità e immediato per la facilità d’uso”.

“Growish sta raccogliendo un forte consenso e interesse dal ‘Digital Magics Angel Network’: investitori privati, fondi istituzionali e partner industriali che collaborano con noi e che stanno valutando le potenzialità di questa startup per inserire il group payment di Growish nei loro servizi”, dichiara Edmondo Sparano, Partner di Digital Magics, “Ci siamo resi conto che in moltissime occasioni della vita quotidiana, tutti noi abbiamo il problema di raccogliere i soldi in gruppo. Pensiamo ai viaggi, alle gite scolastiche, alle feste aziendali, alla nascita di un bambino, a quando un collega cambia lavoro fino ad arrivare alla lista nozze. Growish risponde all’esigenza di tutti di avere un sistema veloce e facile per comprare un regalo insieme ad altre persone”.

Cristina Bellafante ci guida alla scoperta di Milano low cost

Milano (quasi) gratis di Cristina Bellafante Laurana editoreOggi arriva in rete il primo ebook di Cristina Bellafante, copywriter e web editor di LX, che nel tempo libero si diverte a scrivere libri e inventare storie. Il libro, scaricabile su Book Republic, è una mini guida alla scoperta di Milano low cost, edita da Laurana Editore e fa parte di una nuovissima collana “Guide all’Italia low cost”. I primi quattro volumi, su Milano, Torino, Firenze e Venezia, vogliono dare a tutti la possibilità di scovare i luoghi tipici ed economici di ogni città italiana, con un tono simpatico e informale, ricchi di informazioni utili e spunti interessanti.

Parlando di Milano, Cristina immagina di accompagnare personalmente il visitatore virtuale nei luoghi che ritiene fondamentali per una vera esperienza meneghina.
Ecco un breve estratto: “Di Milano, dicono, ce n’è una sola, ma io voglio contraddire questo detto, voglio farvi scoprire tutti i suoi volti, tutte le possibilità che offre a chi desidera conoscerla senza farsi intrappolare dalle apparenze. Non voglio descrivere la Milano della moda, la Milano dell’economia, non voglio parlare della città esclusiva, con vetrine lussuose, locali in, gente che conta. Non rinnego questo lato bene della metropoli, sia chiaro, ma non si addice al titolo di questo libro. Vi racconterò un segreto meneghino, a voce non troppo alta: anche a Milano si può spendere poco. Incredibile, penserete voi, eppure è così, ve lo dice una che a Milano ci è nata e cresciuta.”

Brava Cristina, in bocca al lupo!

Banner ignoranti 2014

Vedi anche: Banner ignoranti 2012 >> << Banner ignoranti 2013 Oférte Speciali - Dancover - Gazebi rapidiUnicredit un po' con l'accentoUber. Hai un autoBansky invece di BanksyFeudo Arancio... il nostri vini Votare Enrico LettaSpaventoso luce!Visit London consiglia per Salute e bellezza Qual'è la rivelazione shok?Guarda cosa sono in brada di fare 4 amiche